Genesi

Giovanni Gastel Genesidi Caterina De Fusco

Giovanni Gastel Genesi

Genesi, denominatore dal quale Giovanni Gastel parte per la sua ricerca. Origine, ricerca di un’origine, quella dell’uomo, della donna, ma -più semplicisticamente- quella dell’essere umano.

Un fantastico progetto di Giovanni Gastel, fotografo della moda con frequentazione anche critica e profondamente valutativa, si offre e propone in forma di libro. Non un’edizione standardizzata, ma una particolare interpretazione delle immagini, arricchite di sovrapposizioni e contrapposizioni. In allineamento con l’hair-stylist Franco Curletto, in tiratura limitata e numerata, Genesi – Visioni di realtà e improbabilità chiama all’elezione di quanti desiderano farsi condurre per mano dall’Artista nel fascinoso viaggio di scoperta, che corrisponde, ciascuna, alla sua propria ricerca di “Identità”. Genesi, denominatore dal quale Giovanni Gastel parte per la sua ricerca. Origine, ricerca di un’origine, quella dell’uomo, della donna, ma -più semplicisticamente- quella dell’essere umano. Cercare una “verità”, la “verità” sull’origine del genere umano è ricerca antica, che nasce dall’approdare dell’Uomo sulla Terra. Quest’ultimo, l’approdo, come navigatore o come viandante sa, per l’Uomo ha significato di procedere lentamente, ma inesorabilmente, lungo il viaggio di un tempo, il nostro tempo, che ha per obiettivo la Fine.
Giovanni Gastel utilizza lo strumento fotografico come compagno. La fotografia può compiere straordinaria operazione di lettura di quei microscopici dettagli che servono per indagare, scrostare patine di un percorso. Patina, velo, maschera: questi gli elementi con i quali “fingiamo” per poter “essere” in questo mondo. Essere, genesi dell’Essere, questa la ricerca di Giovanni Gastel. Indagare nelle maschere, nella molteplicità degli elementi che l’umano utilizza per poter stare e vivere, difendendosi, in questa esistenza.
…Continua su FOTOgraphia 187 dicembre 2012

Comments are closed.

www.maurizioREBUZZINI.it
Attore della settimana
Accadde nel mese
Fumetto commentato
”Fumetti